Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Csm revoca la messa in aspettativa di uno dei giudici

Rignano Flaminio: il processo per "l'asilo degli orrori" continua


Rignano Flaminio: il processo per 'l'asilo degli orrori' continua
07/07/2011, 11:07

ROMA - Con 20 voti a favore e due astenuti, il Csm ha revocato la decisione di mettere in aspettativa il giudice Marzia Minutillo Turtur, del Tribunale di Tivoli, affinchè potesse dedicarsi al giudizio degli esami per i nuovi magistrati. La notizia, che di per sè può essere giudicata interessante solo per gli addetti ai lavori, assume importanza se si ricorda che il giudice in questione è uno dei tre del Tribunale di Tivoli che stanno giudicando i cinque imputati (tre maestre, una bidella ed il marito di una delle maestre) del cosiddetto "asilo degli orrori" di Rignano Flaminio. SI tratta di un processo dove gli imputati sono accusati di aver abusato di bambini di età compresa tra i 4 e i 10 anni e che frequentavano la scuola materna "Olga Rovere", facendone uscire dall'edificio piccoli gruppi durante la giornata, per portarli in un appartamento vicino.
Se la messa in aspettativa fosse rimasta, il processo avrebbe dovuto ricominciare daccapo, come prevede la legge. E poichè due degli avvocati difensori avevano negato il loro consenso ad utilizzare gli atti già acquisiti (in particolare le testimonianze già rese), si sarebbero dovuti sprecare mesi a sentire persone che già hanno detto quello che sapevano. Eventualità per fortuna scongiurata, grazie ad una decisione di ottimo buon senso del Consiglio Superiore della Magistratura

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©