Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il boss contro i Pm del processo sui rapporti Stato-mafia

Riina dal carcere: "Il pm Di Matteo deve morire"


Riina dal carcere: 'Il pm Di Matteo deve morire'
13/11/2013, 12:07

MILANO - "Di Matteo deve morire. E con lui tutti i pm della trattativa, mi stanno facendo impazzire. Quelli lì devono morire, fosse l’ultima cosa che faccio". A pronunciare queste parole non è stata una persona qualunque, ma Totò Riina, rivolgendosi ad un altro detenuto del carcere di Opera, dove il boss della mafia è rinchiuso. 
La confidenza, raccolta da una guardia carceraria, ha fatto scattare l'allarme. Per questo è stato deciso di allontanare Di Matteo e condurlo in qualche luogo protetto, in attesa di rafforzare il dispositivo di sicurezza inotorno al Pm; e contemporaneamente si rafforzerà il dispositivo di sicurezza intorno agli altri Pm.
Ma c'è anche un altro magistrato che potrebbe essere in pericolo. Riina l'ha definito "uno che era a Caltanissetta e adesso è a Palermo, uno che si dà un gran da fare". E l'identikit si attaglierebbe a Roberto Scarpinato, attuale Procuratore di Palermo.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©