Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rinviata la protesta degli armatori dell’ACAP


Rinviata la protesta degli armatori dell’ACAP
10/02/2012, 15:02

Lo stop dei collegamenti marittimi nel golfo, annunciato la scorsa settimana dagli armatori delle compagnie di navigazione aderenti all’ACAP è stato temporaneamente sospeso dopo l’annuncio ufficiale diffuso dall’Assessore Regionale ai Trasporti Sergio Vetrella, che ha assicurato alle sue compagnie il suo intervento per far chiarezza sulla legge approvata dal Governo, dove venivano esclusi dall’esenzione dell’IVA sui carburanti gli armatori e le compagnie che effettuano il trasporto via mare con le isole di Capri, Ischia e Procida e l’intero comparto marittimo campano. L’esclusione dall’esenzione dell’IVA per i trasporti marittimi come quelli del Golfo di Napoli, creerebbe un evidente squilibrio economico e finanziario nei confronti delle società che effettuano collegamenti in alto mare e che continuano a godere del regime di non applicabilità dell’imposta. Uno squilibrio gravissimo, se la legge sarà applicata, con conseguenze negative per i bilanci delle società di trasporto marittimo pubblico regionale in un momento già così difficile per la crisi economica ed in particolare per i costi dei carburanti, che poterebbe come conseguenza un aumento delle tariffe da applicare ai passeggeri. L’Assessore Vetrella ha chiesto un lasso di dieci giorni per discutere la problematica nella prossima commissione dei trasporti della Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome, e l’argomento è stato già inserito da Vetrella nell’ordine del giorno. In attesa di tale discussione, oggi, gli armatori aderenti all’ACAP, Medmar, Snav, Alicost, Navigazione Libera, Alilauro Gruson, Alilauro Spa, Servizi Marittimi Giuffrè Lauro, che avevano proclamato lo stato di agitazione, hanno deciso all’unanimità di attendere gli esiti dell’incontro auspicando che l’Assessore Vetrella riesca a far chiarezza sull’argomento e a ripristinare gli sgravi sollevando le loro compagnie da ulteriori difficoltà economiche che gravando sui loro bilanci fanno intravedere lo spettro del fallimento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©