Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Riprende ArchiliNea, la rassegna di architettura contemporanea allo Spazio Nea


Riprende ArchiliNea, la rassegna di architettura contemporanea allo Spazio Nea
15/04/2013, 12:32

Riprende la rassegna di architettura contemporanea allo Spazio Nea di Napoli
Protagonisti del prossimo incontro Giuseppe Mascolo e Debora Marrazzo, fondatori di Marasmastudio

 

Mercoledì 17 aprile 2013 – ore 19.00


Con la primavera riprende allo Spazio Nea di Napoli ArchiliNea, la rassegna dedicata all'architettura contemporanea e ai progettisti di ultima generazione del Sud Italia, ideata e curata dall'architetto Claudia Oderino. Il prossimo appuntamento è per mercoledì 17 aprile 2013, alle ore 19.00, con Giuseppe Mascolo e Debora Marrazzo, fondatori di Marasmastudio, “laboratorio permanente di riflessioni sul territorio”.

I due giovani architetti affiancano all’attività professionale nel loro studio casertano, anche progetti editoriali e l’organizzazione di Workin’on, workshop di progettazione architettonica, giunto alla quarta edizione, che conta ogni anno sulla partecipazione di centinaia di studenti e architetti, tra i migliori della scena internazionale.

Proprio allo Spazio Nea, Marasmastudio porterà in mostra alcuni disegni/visioni di Giuseppe Mascolo e i risultati del workshop, che comprendono lavori che vanno dal social housing alla riqualificazione dei Regi Lagni, dal demalling alla riqualificazione del litorale domizio.

Il poeta Salvatore Castaldo si esibirà, inoltre, in una performance all’interno di un’installazione progettata dallo Studio, leggendo alcuni brani da Le Città Invisibili di Italo Calvino. La serata si concluderà con la proiezione di RE_CORDARE, breve documentario di Stefano Aletto dedicato all'operato di Marasmastudio.


ArchiliNea nasce con lo scopo di creare un momento di incontro e approfondimento sul lavoro, sui progetti e sulle ricerche degli architetti partenopei di ultima generazione. I giovani progettisti si confrontano con il pubblico sui loro lavori realizzati o da realizzare, esponendo nella Project Room di Nea tavole, disegni, plastici e prototipi delle opere. In questo modo ArchiliNea intende agevolare nuove idee e nuove collaborazioni, favorendo la discussione sugli oggetti del nostro vivere quotidiano e sugli spazi in cui viviamo, rispettando il passato e pensando al futuro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©