Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

L'uomo, di Boscoreale, soffriva da tre giorni

Rischia di morire per un gioco erotico. Operato 40enne

Aveva una bottiglia nell'intestino. Salvato al Maresca

.

Rischia di morire per un gioco erotico. Operato 40enne
12/03/2011, 12:03

TORRE DEL GRECO - Rischiava di perdere la vita per un gioco erotico. Un uomo di 40 anni di Boscoreale è arrivato in fin di vita all’ospedale Agostino Maresca di Torre del Greco. Una storia incredibile, e fortunatamente non finita in tragedia. Ma al suo arrivo al Pronto Soccorso, le condizioni dello sfortunato protagonista della storia erano preoccupanti. Il 40enne boschese, sposato e con figli, ha rischiato una setticemia per aver trattenuto per oltre 70 ore una bottiglia all’interno del proprio intestino. Un caso incredibile di fronte al quale si sono ritrovati i medici di via Montedoro. L’uomo, con lancinanti dolori all’intestino, ha spiegato immediatamente al personale medico il motivo del suo dolore, spiegando la presenza della bottiglia all’interno del suo corpo come il risultato sfortunato di un gioco erotico. Il 40enne non si era presentato prima in ospedale per la vergogna di quanto fatto, essendo d’altronde un padre di famiglia. Un caso ridicolo, ma preoccupante stando alla situazione di salute del malcapitato. I medici sono stati costretti ad un intervento di emergenza per salvargli la vita. E’ stata necessaria un’operazione di astomia durata oltre due ore. Il chirurgo gli ha aperto l’addome, asportando una porzione dell’intestino per estrarre l’oggetto. Tutto è finito bene, ma per i prossimi mesi il 40enne avrà bisogno di una sacca applicata alla pancia per le sue feci.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©