Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aggrediti anche i carabinieri giunti sul posto

Rissa all’ingresso del pub, due in manette


.

Rissa all’ingresso del pub, due in manette
06/02/2010, 12:02


TORRE DEL GRECO – Sono finiti in manette per rissa aggravata due giovani residenti in città. Si tratta di Luigi Balzano di 28 anni, di via Dell’Atletica e Raffaele Campanello, 18enne di via Circumvallazione. Ad arrestare i due giovani la scorsa notte, i carabinieri della compagnia di Torre del Greco. I militari torresi, impegnati in un normale giro di controllo notturno per le vie della città, transitando in via Nazionale, hanno notato nei pressi del ristorante “La Trotula”, un gruppo di persone che aveva dato vita ad una rissa. I carabinieri si sono immediatamente fermati e sono intervenuti per sedare la lite. All’arrivo degli uomini in divisa, molti dei giovani coinvolti si sono dati alla fuga ma i carabinieri sono riusciti a bloccarne due, Balzano e Campanello, sottoposti quindi a controllo. Dalle verifiche effettuate, è risultato che i due erano già noti alle forze dell’ordine per precedenti reati. Al momento di entrare nell’auto di servizio, però, uno dei due, Luigi Balzano ha tentato una breve quanto inutile fuga. Raggiunto immediatamente, il 28enne ha aggredito i militari colpendoli violentemente. Il ragazzo è stato comunque bloccato e per lui sono scattate le manette con l’accusa di rissa aggravata e lesioni a pubblico ufficiale. L’altro giovane coinvolto, Raffaele Campanello, è stato arrestato con la sola accusa di rissa. I due carabinieri aggrediti sono successivamente stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Maresca per essere medicati. I medici hanno riscontrato loro ferite ed escoriazioni giudicate guaribili rispettivamente in cinque e sette giorni. Anche il giovane aggressore nella colluttazione si è procurato delle ferite; medicato dai sanitari del 118, ha riportato una lieve lesione al dito non refertata. Gli arrestati sono al momento in attesa di processo per rito direttissimo.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©