Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rissa per una multa, quattro arresti a Poggiomarino


Rissa per una multa, quattro arresti a Poggiomarino
16/11/2010, 09:11


POGGIOMARINO (Na) - Non hanno gradito la contravvenzione comminata per guida senza casco e hanno aggredito i carabinieri. Accade a Poggiomarino, dove la scorsa notte sono finiti in manette, con le accuse di resistenza e violenza a pubblico ufficiale quattro pregiudicati di San Marzano sul Sarno: il 28enne G. O., il padre M. O. di 55 anni, lo zio G.i O. di 62 anni e il cugino M. O. di 28 anni. Ecco la ricostruzione dell’accaduto. Il 28enne G. O. era stato fermato da una pattuglia dei carabinieri a bordo di un motociclo senza casco in pieno centro a Poggiomarino. Il ragazzo, giá noto alle forze di polizia, non ha gradito l’alt dei carabinieri inveendo ad alta voce contro i militari di servizio. I carabinieri, per notificargli il fermo amministrativo del mezzo, lo hanno invitato in caserma, ma qui, una volta all’interno degli uffici, ha iniziato a minacciare i militari cercando anche di procurarsi delle lesioni personali. Da lì a poco sono sopraggiunti in caserma anche il padre, lo zio e il cugino, che hanno assunto subito le difese del 28enne. Ma i carabinieri non si sono lasciati convincere e hanno iniziato a stilare regolarmente il verbale con le contestazioni previste in casi del genere. La situazione è diventata incandescente. A questo punto i toni si sono surriscaldati ed in pochi minuti, i familiari del 28enne hanno iniziano a minacciare e ad aggredire i carabinieri con violenza. Insomma, un autentico parapiglia oltretutto in un piccolo spazio. I carabinieri hanno cercato prima di tranquillizzarli, poi visto la violenza con cui hanno reagito li hanno arrestati tutti. Espletate le normali formalitá di rito, i quattro sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della compagnia di Torre Annunziata in attesa del giudizio direttissimo che si doveva svolgere al tribunale sempre di Torre Annunziata. Ieri pomeriggio, però, durante il processo per direttissima i quattro arresti non sono stati convalidati e sono stati tutti scarcerati. Naturalmente la notizia ha destato non poco clamore.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©