Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rissa sul Lungomare Liberato: arrestata una babygang


Rissa sul Lungomare Liberato: arrestata una babygang
12/11/2012, 16:22

Ieri notte, gli agenti del Commissariato di Polizia San Ferdinando, hanno denunciato in stato di libertà sei minori per i reati di rissa, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L’identificazione e la denuncia dei sei minori, è il frutto di un apposito servizio istituito dal Commissariato San Ferdinando in seguito ai numerosi episodi di violenza verificatisi nella nuova area pedonale di Via Partenope da gruppi contrapposti di ragazzi, soprattutto minori, che scatenano di frequente delle vere e proprie risse. Al seguito di un’aggressione, lo scorso 21 ottobre, un giovane era stato aggredito e gravemente ferito ad un polmone con un’arma da taglio. Poco dopo mezzanotte, un gruppo di 15 ragazzi, dopo un serrato confronto verbale, ha letteralmente aggredito un gruppetto di 5 altri ragazzi scatenando una violentissima rissa. In pochi attimi si è quindi generato un fuggi fuggi generale, con i clienti dei vicini ristoranti ed i napoletani che stavano tranquillamente passeggiando scappare in tutte le direzioni. A questo punto i poliziotti sono intervenuti e solo dopo un’animata colluttazione sono riusciti a bloccarne tre. Gli altri ragazzi hanno quindi provato a far fuggire i loro tre compagni di rissa aggredendo letteralmente i poliziotti. Due poliziotti sono stati medicati presso l’Ospedale Pellegrini e giudicati guaribili in sette giorni. I tre ragazzi sono stati quindi portati in Commissariato dove sono stati denunciati insieme ad altri 3 loro amici successivamente identificati. Secondo quanto riportato dai poliziotti, in linea con quello che sembra un consolidato modus operandi, poco prima che iniziasse la rissa, quando la discussione aveva raggiunto il massimo della tensione, alcune ragazze presenti nel gruppo dei 15 hanno detto tra loro: “ ..ecco, stanno iniziando, adesso li picchiano, teniamoci pronte a filmare le mazzate!”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©