Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ritorno della Banda della Magliana, il commento di Girlando


Ritorno della Banda della Magliana, il commento di Girlando
04/02/2010, 16:02


ROMA - "Siamo di fronte all'ennesima prova dell'esistenza di apparati deviati dello stato che operano fianco a fianco alla criminalità organizzata". E' il commento di Giuliano Girlando, viceresponsabile romano dell'Italia dei Diritti, relativo alle ultimissime rivelazioni di Antonio Mancini, l'ex appartenente alla Banda della Magliana, secondo cui l'organizzazione criminale che ha insanguinato Roma tra la metà degli anni settanta e i primi anni novanta esisterebbe ancora e continuerebbe ad investire i proventi delle attività illecite con la complicità d'imprenditori senza scrupoli. E' stato lo stesso Mancini ad affermare che i propri soldi sono finiti sul conto di Danilo Coppola, uno dei così detti 'furbetti del quartierino', passati agli onori delle cronache per i tentativi di scalate alle banche conclusisi con la bancarotta e il carcere. "Ci chiediamo - continua l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - se nel corso degli anni sia stato fatto abbastanza per porre un freno a fenomeni di questo genere. E' evidente che una connivenza tra politica e criminalità c'è tutt'oggi e serve a coprire operazioni economiche volte al riciclaggio del denaro sporco. Certo è - conclude Girlando - che senza l'inasprimento delle pene e l'elargizione di maggiori fondi alle Forze dell'Ordine non vedremo mai la luce fuori dal tunnel".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©