Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

RIVENDEVA AUTO RUBATE: PRESO LATITANTE SERBO


RIVENDEVA AUTO RUBATE: PRESO LATITANTE SERBO
06/09/2008, 11:09

La polizia di Ferrara e quella di Napoli hanno arrestato stamani un latitante di Belgrado, Milenko Mijalovic, detto Bagara, di 30 anni, che viveva nel campo nomadi di Secondigliano (Napoli) - del quale era il capo indiscusso - perché accusato di un vasto traffico internazionale di auto rubate e ricettate. Secondo le indagini della Squadra Mobile di Ferrara e Napoli, l’uomo era uno dei punti di riferimento del traffico di auto rubate di lusso assieme ad un’altra decina di persone, una ricercata, altre otto indagate tra Perugia, Assisi e la Campania. A lui si é arrivati seguendo le indagini di un furto in un’abitazione avvenuto a Ferrara il 2 giugno di due anni fa, tramite intercettazioni e una nota su un biglietto ritrovato in un’auto rubata, sul quale era scritto Bagara. Dalle indagini è emerso che Mijalovic era un punto di riferimento per la ricettazione delle auto, ed era arrivato ad intestarsi 500 veicoli, fungendo da prestanome per una grande organizzazione che, come risultato dai colloqui intercettati, assieme ad altri complici aveva gestito azioni criminose in Italia ma anche in Francia e Serbia. A Bagara, nel campo di Secondigliano, secondo gli accertamenti della polizia, non ci si rivolgeva solo per i veicoli rubati, ma anche per la contraffazione di documenti di identità o di proprietà delle auto, per la refurtiva di furti in abitazione, droga ed armi. Secondo gli inquirenti - coordinati dapprima dal Pm Mariaemanuela Guerra di Ferrara, poi dal Pm Valeria Gonzales di Napoli dopo il cambio di competenza territoriale – Bagara era un personaggio di spicco della criminalità Rom radicata non solo a Napoli, ma in tutta la Campania. Per gli investigatori era pericoloso e senza scrupoli, come dimostrato in un episodio del 2007, quando in provincia di Pescara, sorpreso durante una rapina in una casa, accoltellò un carabiniere della stazione di Loreto Aprutino. Sono in corso indagini sui complici di Mijalovic e sulle persone ricercate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©