Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Roberti (Dda): intercettazioni "fondamentali" nella lotta alle mafie


Roberti (Dda): intercettazioni 'fondamentali' nella lotta alle mafie
02/02/2009, 17:02

Il procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia Franco Roberti, uno dei magistrati che con maggiore incisività sta combattendo contro il clan dei Casalesi, ha sottolineato oggi l'importanza delle intercettazioni nella lotta alle mafie. "Soltanto consentendo le intercettazioni - scrive Roberti descrivendo i nove arresti negli ultimi giorni dei fiancheggiatori del boss Setola - nei confronti delle persone legate a una specifica vicenda delittuosa e segreti custodi della stessa, prescindendo dunque da irrazionali e tortuose limitazioni, è possibile immaginare un'effettiva azione di contrasto alla criminalità organizzata e non." Roberti ha infatti descritto l'uso delle intercettazioni nell'ambito delle indagini della Dda napoletana che hanno portato negli ultimi due giorni ad arrestare i cinque presunti componenti del "gruppo di fuoco" del killer dei Casalesi e i quattro presunti riscossori del pizzo per conto di Setola e del clan Bidognetti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©