Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Roccapiemonte (Sa): GDF sequestra agenzia scommesse illegale

Denunciato il gestore

Roccapiemonte (Sa): GDF sequestra agenzia scommesse illegale
20/09/2013, 09:19

ROCCAPIEMONTE - Continua incessante la capillare presenza sul territorio dei finanzieri per contrastare il fenomeno dell'esercizio abusivo di raccolta scommesse su eventi sportivi, nell'ambito dei servizi di polizia economia e finanziaria pianificati dal Comando Provinciale di Salerno.
La fattispecie più frequente d’illecito attiene alla violazione del cosiddetto “divieto di intermediazione”, ovvero l’accettazione delle scommesse da parte di un terzo soggetto che in maniera irregolare si interpone, senza alcuna autorizzazione, tra soggetto concessionario (autorizzato dallo Stato) e scommettitore, venendo a gestire delle giocate che non figurano di fatto “tracciate” dai circuiti ufficiali.
In tale quadro d’azione, i finanzieri della Compagnia di Nocera Inferiore sono intervenuti presso il centro scommesse denominato “GoldBet” di Roccapiemonte (SA).
L’attività ispettiva e di controllo eseguita dava ampia conferma circa le ipotesi formulate, rilevando l’operatività del centro-scommesse incentrato sull’acquisizione  da parte del gestore di scommesse sportive on line su eventi calcistici internazionali, tramite postazione telematica connessa ad uno sito internet straniero, non riconosciuto dall’A.A.M.S. .
Nella circostanza, uno dei responsabili del centro scommesse, veniva colto in flagranza nel mentre acquisiva una giocata/scommessa, operando “on line” tramite un proprio account, agendo pertanto quale intermediario tra concessionario delle scommesse e scommettitore (persona fisica).
Il medesimo veniva deferito all’Autorità Giudiziaria nocerina, per  violazione degli artt. 4, comma 1 e 4-bis, della Legge n. 401/1989 e successive modificazioni ed integrazioni, 17 del T.U.L.P.S., 132, comma 1, del d. lgs. n. 385/93 e 718 e 719 del codice penale, e contestualmente si procedeva al sequestro di due personal computers, di una stampante termica e di denaro  contante per euro 415,00, quale provento dell’illecita attività.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©