Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo due mesi di indagini, trovati i responsabili

Roma: 17enne rapinata e stuprata, cinque arresti


Roma: 17enne rapinata e stuprata, cinque arresti
21/06/2011, 09:06

ROMA - CI sono voluti 50 giorni di indagini, per rintracciare i cinque responsabili di un gravissimo fatto, accaduto lo scorso 30 aprile. Quella notte, verso l'1,30 di notte, tra ragazze e due ragazzi (tutti minorenni) entrano in un edificio diroccato presente a Roma, in pineta Sacchetti. E' un posto suggestivo, ma totalmente isolato. In quell'edificio ci sono in quel momento altre cinque persone, di età compresa tra i 19 e i 21 anni, tutte di origine filippina. Gli occupanti, visto l'arrivo dei nuovi, decidono probabilmente di fare una bravata: afferrano dei bastoni e minacciano i minorenni, obbligandoli a consegnare cellulari e soldi. Poi notano una delle ragazze, molto carina, e la prendono e la portano in una stanza attigua, dove cominciano la violenza sessuale. Una violenza che si protrae per ore, al punto che ad un certo punto uno dei violenbtatori torna a casa. Dopo due ore chiama uno degli altri e quando sa che stanno ancora violentando la ragazza, torna per unirsi agli altri.
Gli altri ragazzi, sono riusciti a fuggire troppo tardi per dare un allarme tempestivo; sicchè i Carabinieri, quando sono arrivati, hanno trovato solo la ragazza in lacrime, che è stata portata all'ospedale. Da lì sono partite le indagini, che però avevano ben poco all'inizio. La svolta è stata quando si è scoperto su Facebook che il più grande dei violentatori, tempo prima dell'episodio, aveva contattato la minorenne tramite Facebook. Rintracciato il giovane, gli è stato prelevato un tampone di saliva per ricavarne il DNA. Senza più alcuna possibilità di negare i fatti, l'accusato ha rivelato l'identità degli altri quattro ragazzi, che sono stati tutti arrestati. Ed ora i cinque dovranno rispondere di gravissimi reati: violenza sessuale pluriaggravata e sequestro di persona.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©