Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Una ventina di italiani all'attacco del locale bengalese

Roma: aggressione razzista contro Internet point


Roma: aggressione razzista contro Internet point
15/03/2010, 12:03

ROMA - Si sono messi in una ventina di loro, per assaltare un Internet point e picchiare il proprietario ed altri due avventori, finiti tutti in ospedale. Erano tutti italiani, secondo le testimonianze, con il viso travisato ed armati di bastoni. Hanno scatenato l'attacco di sera, quando il locale ospitava anche avventori venuti a gustare le delizie del cibo bengalese. Hanno chiesto chi fosse il proprietario del locale e poi l'hanno aggredito, procurando lesioni lacero-contuse, rompendo denti e fracassando mandibole, non solo a Mohammed Masum Miah, di 50 anni ed in Italia da 25, ma anche ad altre due persone. Per fortuna nessuno dei tre è rimasto ferito in maniera seria, anche se sono andati tutti e tre al pronto soccorso.
Non è la prima volta che a Roma avvengono queste aggressioni, che vengono sistematicamente fatti ai danni di extracomunitari onesti, che lavorano regolarmente o, come in questo caso, hanno una loro attività onesta. Così come non sono cose che in Italia scarseggiano. Quello che scarseggiano sono gli arresti e le condanne dei colpevoli di queste azioni, sempre ben informati del fatto che quando loro agiscono Polizia e Carabinieri sono a mille miglia da lì.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©