Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Giudice stabilisce il "non luogo a procedere"

Roma: chiuso il processo a Storace per le offese a Napolitano


Roma: chiuso il processo a Storace per le offese a Napolitano
18/01/2010, 17:01

ROMA - Il Giudice monocratico di Roma ha deciso il non luogo a procedere nel processo che vede imputato il deputato Francesco Storace, per le offese rivolte a Giorgio Napolitano. Questo perchè, secondo il giudice, è stato illeggittimo il "decreto di autorizzazione a procedere emesso dal ministro della giustizia in data 17 ottobre 2007 per violazione della legge 241/90, ovvero delle relative norme sul procedimento amministrativo, con particolare riferimento al mancato rispetto dell'obbligo di comunicazione all'interessato dell'avvio del procedimento e al mancato rispetto dell'obbligo di motivazione del provvedimento; conseguentemente, il decreto del ministro (all'epoca era Clemente Mastella) deve ritenersi inidoneo a produrre i suoi effetti nel presente processo".
La vicenda risale al 15 ottobre 2007, quando insultò la senatrice a vita Rita Levi Montalcini, dicendo che le avrebbe mandato le stampelle per sostenere lei e il governo. Napolitano intervenne in difesa della senatrice e Storace disse che era un comportamento "indegno" da parte del Presidente della Repubblica.
Di conseguenza, la Procura di Roma aprì un fascicolo di indagine contro Storace, poi sfociato in un processo, che oggi è stato chiuso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©