Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Devo mantenere i miei figli".

Roma, disoccupato rapina due banche in mezz'ora


Roma, disoccupato rapina due banche in mezz'ora
03/09/2013, 10:08

ROMA - Senza lavoro e con due figli da mantenere ha rapinato due banche in mezz'ora. Autore dei reati un romano di 56 anni, incensurato, che è entrato nella filiale della Banca Popolare di Novara di via Santa Maria del Buonconsiglio, nella zona di Porta Furba a Roma ed ha minacciato il vice direttore con una pistola, successivamente rivelatasi un'arma giocattolo sprovvista del tappo rosso. L'uomo si è fatto consegnare il denaro dalla casse, ma non essendoci soldi liquidi disponibili è fuggito. A soli venti minuti di distanza, l'uomop è entrato in un'altra banca, la Carim di piazza, ed è stavolta riuscito a farsi consegnare 2.000 euro in contanti dalla cassiera, prima di scappare in metropolitana col bottino. I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma sono riusciti ad individurare il rapinatore e a bloccarlo sulle scale della fermata "Subaugusta" della metro A. La refurtiva è stata recuperata e restituita, mentre l'uomo è stato arrestato con l'accusa di rapina aggravata continuata. Interrogato in caserma, l'uomo ha confessato altre due rapina nelle filiali di Centocelle e Torpignattara, spiegando ai carabinieri di aver perso il lavoro e di dover mantenere i figli. Nella sua abitazione è stata sequestrata un'altra arma, anch'essa priva di tappo rosso e due telefoni cellulari.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©