Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tutelate le esigenze dell'Urbe e gli animali

Roma, giro di vite per le 'botticelle': pronto regolamento


Roma, giro di vite per le 'botticelle': pronto regolamento
05/03/2009, 19:03

A breve anche le ‘botticelle’ romane dovranno sottostare ad un rigido regolamento, studiato per tutelare i cavalli e per adeguare il servizio alle esigenze dell’Urbe.

Le novità introdotte dal documento sono state presentate ieri dal sindaco Alemanno, dal sottosegretario al Welfare e alla salute, Francesca Martini, dall’assessore all’Ambiente Fabio De Lillo e dal Coordinatore del tavolo istituito per le botticelle, Federico Coccia.

Per Gianni Alemanno il documento, che verrà approvato la prossima settimana in giunta e poi andrà al vaglio del Consiglio comunale, rappresenta “un equilibrio raggiunto tra le diverse esigenze, ma soprattutto una pagina ferma nel rigoroso rispetto degli animali”.

Il sottosegretario Martini parla di “una nuova politica rispetto al rapporto uomo-animale e al benessere dell’animale”, sottolineando che con questo provvedimento Roma scalerà il podio delle città europee, con misure di eccellenza e di avanguardia del settore.

Il primo passo è l’inserimento di un microchip su tutti i cavalli, che verranno inoltre sottoposti ad accertamenti sanitari annuali per stabilire l’idoneità al lavoro. La visita verrà effettuata da un veterinario della Asl, uno indicato dall’ordine dei veterinari, e dal veterinario di fiducia del vetturino. Durante il periodo estivo, quando il carico di lavoro è superiore, i cavalli verranno tenuti sotto maggiore sorveglianza e saranno almeno tre all’anno. Ci sarà poi un “registro dell’attività giornaliera”, dove il vetturino dovrà riportare orario di inizio e fine servizio, le pause e le zone di sosta. Si prevede inoltre l’istituzione di un servizio di pronto soccorso, oggetto di una prossima convenzione con l’Arma dei Carabinieri, che potrà contare su un ufficiale medico veterinario e un assistente militare per equini a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Verranno indicati dei percorsi protetti che saranno scelti in base a pendenza e pericolosità, ed il Comune si doterà di una ambulanza costruita appositamente per il soccorso ai cavalli. Saranno inoltre attrezzate aree di sosta a Villa Borghese e nell’area del Circo Massimo, dove i cavalli potranno riposarsi. Previsti fondi per 500mila euro per la realizzazione di nuove stalle nel galoppatoio di Villa Borghese, mentre i cavalli ‘pensionati’ verranno ospitati nelle strutture del Corpo Forestale.

Nel nuovo regolamento si prevede però anche il pugno duro nei confronti di chi infrange le regole. Le sanzioni vanno dalla sospensione temporanea della licenza alla revoca definitiva. I vetturini potranno inoltre chiedere di trasformare la licenza in taxi, e potranno optare per la nuova ‘carrozzella elettrica’. Si tratta, spiega De Lillo, di carrozze d’epoca dotate di ogni confort, con all’interno anche un sistema audio video per le informazioni turistiche. Infine, il Campidoglio sta vagliando l’ipotesi di inserire una tariffa fissa per i percorsi delle botticelle.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©