Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’ordinanza di Alemanno: per adesso nessun corteo in città

Roma, in manette il ragazzo dell’estintore: “Er Pellicia”

Due le manifestazioni penalizzate: quella Fiom e quella Pd

Roma, in manette il ragazzo dell’estintore: “Er Pellicia”
18/10/2011, 09:10

ROMA – L’immagine che lo ritrae a torso nudo, mentre tira un estintore in direzione della polizia, ha fatto il giro del mondo, al punto tale da essere quasi diventata, insieme alla foto del blindato dei carabinieri che va in fiamme, l’immagine simbolo della guerriglia urbana che sabato ha messo a ferro e fuoco la città di Roma. Questa mattina, dopo i 12 arresti eseguiti ieri in tutta Italia, sono scattate le manette anche per lui: si tratta di un giovane studente romano 24enne, già noto alle forze dell’ordine per alcuni precedenti per stupefacenti, e conosciuto nell’ambiente con il soprannome di “Er Pelliccia”. Nel corso degli scontri dello scorso 15 ottobre, il ragazzo era stato immortalato da diversi fotografi: proprio grazie a queste immagini è stato possibile identificarlo e fermarlo alle prime ore dell’alba sotto casa, nel quartiere in cui vive.
Intanto arrivano le prime conseguenze a quanto accaduto sabato scorso a Roma. Si tratta di provvedimenti del tutto discutibili e che non a caso hanno già iniziato a generare un coro di polemiche. Cortei vietati per un mese nel primo municipio di Roma, cioè nel centro storico della Capitale: è questo ciò che prevede l’ordinanza firmata dal sindaco capitolino, Gianni Alemanno. Per il momento saranno possibili solo manifestazioni stanziali da tenersi nelle seguenti aree: piazza Bocca della Verità, piazza Santi Apostoli, piazza della Repubblica, Circo Massimo, piazza Farnese, piazza San Giovanni, piazza del Popolo e le sedi istituzionali secondo le prescrizioni della Questura. Nelle premesse dell’ordinanza Alemanno auspica poi nuove regole per i cortei in modo da “coniugare il diritto alla manifestazione con la massima assicurazione di tutela del diritto alla sicurezza urbana, alla libera fruizione del territorio cittadino, ivi compreso il diritto alla libera circolazione e mobilità”. In attesa di queste nuove leggi, però, nessun corteo, almeno di qui a un mese, per le vie della città. Ordinanza, questa di Alemanno, che penalizza in primis la manifestazione della Fiom prevista venerdì prossimo, con l’obiettivo di segnalare la situazione dei lavoratori della Fiat. Ad essere penalizzata è poi anche la manifestazione nazionale del Pd, fissata per il 5 novembre. In entrambi i casi erano previsti cortei, che a quanto pare non potranno essere realizzati.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©