Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Protesta delle opposizioni per la chiamata diretta

Roma: la Raggi assume il consulente di Grillo a 90 mila euro l'anno


Roma: la Raggi assume il consulente di Grillo a 90 mila euro l'anno
10/07/2018, 10:16

ROMA - Ancora una volta il Movimento 5 Stelle dimostra che sono bravi a parlare, ma quando si tratta di agire. Questa volta toccca a Virginia Raggi, sindaca di Roma. Venerdì si è incontrata con Beppe Grillo e - per una pura casualità, ovviamente - lunedì la sindaca ha nominato Lorenzo Foti, come manager comunale in grado di verificare i progetti della maggioranza. Lo stipendio, ovviamente a carico dei cittadini romani, è di 88 mila euro lordi l'anno, più o meno quanto un parlamentare. 

Il punto è che Foti è da tempo un consulente del blog beppegrillo.it, Inoltre il suo curriculum (è considerato un esperto in monete virtuali) non ha niente a che fare col suo ruolo di "finalizzatore dell'attività di indirizzo e controllo politico". Naturalmente, scontata la protesta delle opposizioni, che contestano sia la nomina, considerata inutile; sia il salario, decisamente esagerato, sia il fatto che si tratti di un uomo di Grillo con cui è stata usata la chiamata diretta, contro cui tante volte in passato M5S si era scagliato. Mentre su Facebook arriva la difesa di Giuliano Pacetti, consigliere comunale di M5S: "La nuova vittima designata del Pd oggi si chiama Lorenzo Foti. Un professionista serio, una persona perbene che collaborerà alla realizzazione del programma del M5S a Roma. Voglio ricordare agli esimi colleghi che esiste un altro modo di fare opposizione. Un modo che non passa necessariamente per l'attacco continuo e pretestuoso. Un modo che ha a cuore Roma". Chissà se passerà la voce ai suoi colleghi di partito delle altre città dove M5S non ha il sindaco...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©