Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le ragazze vendute al gioco e marchiate a fuoco

Roma, prostitute in schiavitù: scattano 11 arresti

Manette per 3 donne e 8 uomini: tutti romeni

Roma, prostitute in schiavitù: scattano 11 arresti
15/05/2012, 09:05

ROMA - Sono state assicurate alla giustizia 11 persone (3 donne e 8 uomini), ritenute responsabili di associazione per delinquere, finalizzata allo sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione sulle strade della Capitale, riduzione in schiavitù e alla tratta. Secondo le indagini portate avanti dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Tivoli, gli 11 arrestati, tutti romeni, avevano messo su una vera e propria organizzazione criminale, attraverso la quale attiravano ragazze in Italia con la promessa di un lavoro, dopodiché le privavano dei documenti, le minacciavano di morte e le vendevano a connazionali. In altri casi, le ragazze diventavano palio come premi nei giochi d’azzardo. è stato addirittura riscontrato un caso in cui una ragazza è stata marchiata a fuoco, con l’iniziale del nome del suo sfruttatore.
In altre parole, gli sfruttatori esercitavano sulle giovani “schiave” poteri corrispondenti al diritto di proprietà: approfittando di una situazione di inferiorità psichica, dell’estrema povertà delle famiglie d’origine e privandole della libertà personale, ma soprattutto sottoponendole a un grave e insuperabile stato di soggezione psicologica e di vera e propria coercizione fisica.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©