Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

I due condannati per aggiotaggio per un fatto del 2005

Roma: ridotte in appello le condanne di Lotito e Mezzaroma


Roma: ridotte in appello le condanne di Lotito e Mezzaroma
12/03/2012, 15:03

ROMA - Terminato il processo d'appello che vede il patron della SS Lazio Claudio Lotito imputato per aggiotaggio, in merito all'acquisto, avvenuto nel 2005, delle azioni della società sportiva. Il Tribunale di secondo grado ha deciso di ridurre la condanna, portandola da 24 a 18 mesi di reclusione, pur confermando le accuse. Che risiedono nel fatto che Lotito sapeva che avrebbe dovuto lanciare l'Opa sulle azioni presenti sul mercato, una volta raggiunta la maggioranza relativa delle stesse; cosa che non fece, nonostante il commercialista l'avesse informato in proposito.
Nello stesso processo, è stata ridotta la pena anche all'imprenditore Roberto Mezzaroma, accusato degli stessi reati, a 14 mesi di reclusione. Entrambi beneficeranno della sospensione condizionale della pena.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©