Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Donna in coma legata alla barella e senza cibo

Roma, scandalo al Policlinico. La Procura indagherà

Il ministro Balduzzi: “Situazione indegna”

Roma, scandalo al Policlinico. La Procura indagherà
20/02/2012, 20:02

ROMA - Una donna di 59 anni in coma, ricoverata quattro giorni fa in coma a causa di un trauma cranico, tenuta legata alla barella con le lenzuola e con solo una soluzione fisiologica collegata per endovena (quindi senza la soluzione nutritiva, che dovrebbe essere collegata per 12 ore al giorno con un sondino nasogastrico, ndr). Questo lo spettacolo che si sono trovati di fronte i senatori Ignazio Marino (Pd) e Domenico Gramazio (Pdl) nella loro ispezione improvvisa al pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma, dopo le segnalazioni di disservizi gravi registrati anche all'ospedale San Camillo, sempre nella capitale.
Sul punto i responsabili del Policlinico hanno spiegato che è una situazione che capita spesso, in quanto i vari reparti sono strapieni e quindi i pazienti vengono "posteggiati" nel pronto soccorso in attesa che si liberi un posto in qualche reparto. E questo vale anche per le persone in coma che non possono essere neanche curate in maniera adeguata, dato che non ci sono specialisti di quel genere, di solito, nei pronto soccorsi.

LA PROCURA DI ROMA INDAGHERA’
La Procura di Roma indagherà sul caso-scandalo del pronto soccorso del Policlinico Umberto I. I magistrati esamineranno domani in modo più approfondito la vicenda, che andrà a finire nel fascicolo, aperto la scorsa settimana, sui disservizi e sulle criticità registrate dai carabinieri del Nas nei reparti di pronto soccorso di vari ospedali della Capitale. In relazione a quest’ultimo capitolo, su ordine della Procura, sono già state effettuate e proseguiranno nei prossimi giorni le acquisizioni di atti e documenti necessari per comprendere meglio il fenomeno della carenza di posti letto e, più in generale, dei tagli nel settore della sanità.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli e Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©