Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tensioni a Casal Bertone, Alemanno: "Basta violenze"

Roma: scontri tra militanti Casa Pound e centri sociali


Roma: scontri tra militanti Casa Pound e centri sociali
23/03/2012, 21:03

ROMA - Un quartiere in stato d’assedio, come non avveniva da anni. Casal Bertone rivive il clima degli anni Settanta, presidiato dalle forze dell'ordine dopo gli scontri avvenuti questo pomeriggio nel quartiere tra militanti del centro sociale Magazzini popolari e del Circolo futurista di CasaPound Italia. Al momento esponenti dei due gruppi politici sono in strada schierati davanti alle rispettive sedi, guardati a vista da polizia e carabinieri.
Le tensioni erano iniziate nel primo pomeriggio. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri intervenuti sul posto, tre ragazzi del Circolo Futurista stavano sostando poco lontano dal Centro sociale Magazzini popolari, in via Baldissera. Per questo la pattuglia dei carabinieri si e' fermata per verificare cosa stessero facendo. Poco dopo due militanti del centro sociale di sinistra sono usciti in strada e c'e' stato uno scontro. A quel punto sono stati tutti bloccati dai carabinieri che li hanno portati in caserma per l'identificazione. Una volta in caserma i militanti di Casapound hanno raccontato di una precedente aggressione avvenuta in tarda mattinata.
Secondo quanto riferito, alcuni militanti di sinistra avrebbero insultato e aggredito la madre di un militante di destra, ma al momento non ci sono riscontri su quanto dichiarato e i carabinieri stanno cercando di ricostruire i fatti. Di altro avviso gli antagonisti. Due ragazzi dei collettivi avevano infatti denunciato di essere stati aggrediti da esponenti di CasaPound Italia davanti ai magazzini generali di Casal Bertone
Nelle vicinanze i militari hanno trovato dei bastoni, anche se non e' ancora chiaro a chi appartengano. Dopo le tensioni che si sono verificate nel pomeriggio, sedate dalle forze dell'ordine anche con lancio di lacrimogeni, ora i militanti delle due opposte fazioni sono in strada schierati davanti alle rispettive sedi. La situazione viene monitorata dalle forze dell'ordine.
''La violenza politica e' una mala pianta che cresce nella spirale delle ritorsioni reciproche. Dobbiamo spezzare questa spirale prima che possa crescere. Chiedo agli inquirenti di individuare e assicurare alla giustizia i responsabili dell'episodio di oggi e a tutti i gruppi politici, di destra e di sinistra, di isolare i violenti e di professare con la massima determinazione il rifiuto di ogni forma di violenza come mezzo di azione politica''. Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
''Ricordo a tutti, ancora una volta, che Roma in passato ha pagato un tributo troppo alto allo scontro violento tra opposte ideologie: troppi giovani, di sinistra e di destra, sono morti per mano del terrorismo o a causa della degenerazione violenta della politica. Queste pagine a Roma non si debbono ripetere'', conclude Alemanno.
 
 

Commenta Stampa
di daga
Riproduzione riservata ©