Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I responsabili sono i membri del movimeno "Militia"

Roma: scritta neofascista sulla tangenziale est


Roma: scritta neofascista sulla tangenziale est
27/05/2010, 17:05

ROMA - Dopo le operazioni dei Ros portate avanti proprio tra gli esponenti dell'estrema destra romana, i membri del movimento neofascista "Militia", avevano annunciato nuove azioni dimostrative. Il blitz dei Ros aveva portato alla denuncia di quattro persone; tutte accusate di apologia del fascismo, diffusione di idee fondate sull'odio razziale ed etnico, violazione della legge Mancino ed azioni contro la comunità ebraica romana e la figura del primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno.
Un sorta di piccola guerra scoppiata proprio tra il sindaco capitolino e gli esponenti estremisti di "Militia" che, questa notte, hanno imbrattato il muro all'altezza del ponte dell'uscita Batteria Nomentana, sulla tangenziale Est di Roma. Il testo è breve ("Vita est Militia") e, come gli stessi autori hanno dichiarato deve considerarsi "un segnale per far capire ad Alemanno che non ci fermiamo". E proprio Alemanno, ha stretto giro, ha rilasciato delle concise dichiarazioni sul movimento degli estremisti di destra che stanno tornando ad essere abbastanza numerosi nella capitale. Il sindaco ha voluto però gettare acqua sul fuoco:"Non voglio sopravvalutare questi eventi: a scrivere uno striscione e ad attaccarlo non è che ci voglia poi molto"; ha detto, aggiungendo poi che "purtroppo sono cose cui ormai siamo abituati ma mi auguro che questa cattiva abitudine che c'è nella città si interrompa. Non è giusto che Roma debba sempre subire questi cattivi annunci".

Foto da "LA REPUBBLICA":La palestra di Primo Carnera e Milita

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©