Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il Pm aveva chiesto 8 anni a testa

Roma: sei condannati a 6 anni per l'incendio del camion dei Carabinieri


Roma: sei condannati a 6 anni per l'incendio del camion dei Carabinieri
07/01/2013, 15:24

ROMA - Al termine di un processo con rito abbreviato (che consente, in caso di condanna, di avere uno sconto di un terzo della pena, ndr), il Tribunale di Roma ha condannato sei persone a 6 anni di reclusione ciascuno, con la accuse di devastazione e saccheggio. Si tratta di Davide Rosci, di 30 anni, militante di Azione Antifascista di Teramo; Marco Moscardelli, 33 anni di Giulianova; Mauro Gentile, 37 anni di Teramo; Mirko Tomasetti, 30enne svizzero di Baden; Massimiliano Zossolo, romano di 28 anni; Cristian Quatraccioni, 33 anni di Teramo. 
La condanna si riferisce ai fatti accaduti durante la manifestazione degli "indignados" che si svolse a Roma il 15 ottobre 2011. Una pacifica manifestazione venne interrotta dall'intervento prima di poche decine di manifestanti e poi dall'intervento sconsiderato e folle dei Carabinieri che, anzichè fermare i responsabili dell'accaduto, li spinsero a piazza San Giovanni, dove decine di migliaia di persone vennero aggredite dai violenti e dovettero scappare. Durante i tafferugli, venne anche in cendiato un camion dei Carabinieri, fatto che è stato addebitato ai sei condannati oggi.
Il Pm aveva chiesto 8 anni di reclusione per ciascuno degli imputati, ma il Gup ha deciso diversamente. Ha anche deciso che gli imputati debbano pagare 30 mila euro ciascuno per il carabiniere aggredito; mentre i danni all'ATAC saranno quantificati da un processo civile.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©