Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Reato più lieve e prescrizione velocissima

Roma: su Berlusconi la Procura si appresta ad insabbiare l'inchiesta di Trani


Roma: su Berlusconi la Procura si appresta ad insabbiare l'inchiesta di Trani
25/03/2010, 11:03

ROMA - Una parte del processo nato a Trani e che vede imputato Silvio Berlusconi è stato trasferito a Roma, sede competente del Tribunale dei Ministri, titolare delle indagini sul Presidente del Consiglio dei Ministri per i reati commessi connessi alla sua carica. Ed immediatamente, in ossequio alla sua tradizione, la Procura si appresta all'archiviazione del processo, come ha sempre fatto ogni volta che si è dovuta interessare di reati commessi dal premier: fu così nel caso delle telefonate tra Berlusconi e Saccà o nel caso dei voli di Stato. Ed anche questa volta pare stia per succedere lo stesso: l'iscrizione di Berlusconi nel registro degli indagati non per concussione, come previsto dalla Procura di Trani, ma per il più lieve reato di abuso d'ufficio (che è condannabile solo se si dimostra che Berlusconi ci ha guadagnato qualcosa dal punto di vista patrimoniale; mentre in questo caso l'interesse nel chiudere Annozero, utilizzando i vertici della Rai e dell'Agcom era prevalentemente politico, ndr). Questo significa due cose: innanzitutto che il reato è difficilmente dimostrabile e quindi è difficile che si arrivi a processo; secondariamente che la prescrizione in questo reato arriva in pochi anni, e per Berlusconi e i suoi legali sarebbe uno scherzo bloccare il processo per 4 anni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©