Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ROMA: TOLTO IL 41BIS AL BOSS GANCI


ROMA: TOLTO IL 41BIS AL BOSS GANCI
13/01/2009, 14:01

Mimmo Ganci è un noto boss mafioso, detenuto a Rebibbia per scontare numerose condanne all'ergastolo, dovute alla sua partecipazione ad omicidi eccellenti e stragi come quella di Capaci, in cui morì - tra gli altri - il Giudice Falcone e la moglie. Ebbene, il Tribunale di Sorveglianza di Roma ha deciso che Mimmo Ganci non è più pericoloso e quindi può essere tolto dal 41bis, il cosiddetto "carcere duro". Salvino Caputo, esponente della Commissione Regionale antimafia di Palermo e del PdL, si è scagliato contro i Giudici rei di averlo portato al regime carcerario standard.

In realtà Caputo dovrebbe prendersela col proprio partito, che ha approvato la stabilizzazione del 41bis, favorendo così la mafia. Infatti prima, il fatto di avere un provvedimento che veniva rinnovato ogni 6 mesi, rendeva impossibile fare un ricorso, perchè i tempi tecnici rendevano impossibile dare una risposta entro 6 mesi. E scaduti quelli, c'era un nuovo atto che, pur essendo identico al precedente, era diverso, e quindi bisognava fare un nuovo ricorso. Invece, adesso che il Governo Berlusconi ha modificato la legge e ha stabilito che il provvedimento è uno e resta a tempo indefinito, è possibile fare ricorso e lo si può vincere, come si è visto in questo caso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

06/08/2008, 18:08

MAFIA, "IL 41BIS NON SI TOCCA"