Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Romania: la Corte costituzionale vanifica il referendum


Romania: la Corte costituzionale vanifica il referendum
22/08/2012, 19:48

Il referendum del 29 luglio sulla destituzione del Presidente Traian Basescu non è valido. Così ha deciso la Corte costituzionale romena e pertanto Basescu resterà in carica come capo di Stato per altri 2 anni.

Il referendum non aveva raggiunto il quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto e per questo era stato dichiarato nullo. Ci si è quindi affidati alla Corte costituzionale dove sei giudici su nove hanno votato per la non validità del referendum.

Dei 47% di elettori recati alle urne per il referendum, bel l’87% aveva votato a favore della destituzione di Basescu. Tale referendum era stato proposto dal presidente della coalizione di centro-sinistra Victor Ponta che commenta così la decisione della Corte costituzionale ''Una sentenza illegale, ingiusta e politicamente motivata, contraria alle regole democratiche e alla legislazione ordinaria'' e continua
''Continueremo a difendere i rumeni da un regime repressivo e oppressivo al fine di evitare che il Paese non corra piu' il rischio di restare in balia di un solo uomo''.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©