Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tonnellate alimenti insudiciati e pericolosi per la salute

Roma:sequestrati ristoranti cinesi in pessime condizioni


Roma:sequestrati ristoranti cinesi in pessime condizioni
22/09/2012, 21:13

ROMA - Nell'ambito di predisposti servizi finalizzati alla tutela della salute pubblica, il NAS Carabinieri di Roma ha effettuato una serie di controlli nel settore della ristorazione, con particolare riguardo a quella etnica, eseguendo decine di ispezioni presso ristoranti ed esercizi siti nei quartieri capitolini maggiormente frequentati da giovani e da turisti. Nel corso delle verifiche, collaborati nella fase esecutiva da personale della Compagnia Carabinieri di Trastevere, i militari del NAS hanno sottoposto a sequestro penale 2 ristoranti operanti nel settore della ristorazione cinese, mantenuti in pessime condizioni igieniche e strutturali, con sporco diffuso in tutti gli ambienti e con gravi carenze per la sicurezza dei clienti e degli avventori (in particolare gli impianti elettrici delle cucine risultavano assolutamente non a norma ed inadeguati).Nel corso delle attività ispettive sono state inoltre sottratte al consumo quasi 3 tonnellate di alimenti vari, tipici dell'alimentazione orientale, ritenuti pericolosi per la salute pubblica poiché in cattivo stato di conservazione, insudiciati ed invasi in forma massiva da blatte e sporcizia. Parte di tali prodotti, congelati in maniera non idonea a garantirne la sicurezza, venivano inoltre fraudolentemente proposti alla clientela come freschi. Per le violazioni riscontrate i Carabinieri del NAS di Roma hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Roma i 2 titolari delle strutture di ristorazione, ai quali sono state altresì contestate violazioni amministrative, relative alle condizioni igieniche dei locali ed al mancato rispetto delle procedure e dei sistemi di autocontrollo, che prevedono sanzioni per circa 7.000 euro. Il valore complessivo degli alimenti e delle strutture sequestrate ammonta a 1.700.000 euro circa.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©