Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Romena ridotta in schiavitù: fermata una connazionale


Romena ridotta in schiavitù: fermata una connazionale
15/04/2009, 18:04

Una cittadina romena di 20 anni è stata fermata dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Salerno con l'accusa di riduzione e mantenimento in schiavitù e sfruttamento della prostituzione in danno di una sua connazionale di 19 anni. Le indagini dei militari hanno consentito di accertare che la vittima, dopo essere stata adescata da un suo connazionale e portata via da un campo nomadi del Catanese, è stata obbligata a prostituirsi e a consegnare quanto guadagnava incontrando i suoi clienti. L'aguzzino, dopo aver sfruttato la giovane donna per un breve periodo, nell'intento di ottenere un più rapido rendimento economico, ha materialmente ceduto in vendita la donna a un altro romeno che vive nell'hinterland partenopeo. Per la sfortunata D.M.L. è toccata la stessa sorte già patita in Sicilia. Infatti, il suo "nuovo padrone" la costringeva quotidianamente a vendere il proprio corpo lungo il litorale di Battipaglia (Salerno). Per tenere costantemente sotto controllo la giovane vittima il suo sfruttatore le aveva affiancato la romena I.B. la quale aveva il compito di evitare la sua fuga, di verificare quanti clienti incontrava ogni giorno e, conseguentemente, di ritirare il denaro di volta in volta guadagnato con le prestazioni sessuali. Nel pomeriggio di ieri, mentre la diciannovenne si trovava in strada insieme con la sua "guardiana", è stata avvicinata da un giovane connazionale con la quale la ragazzina, per diversi anni, quando ancora viveva in Romania, aveva intrattenuto una relazione sentimentale. Il giovane romeno, che da tempo l'aveva persa di vista, ma conosceva la sua situazione, ha deciso di portarla via, scatenando l'ira della ventenne, la quale ha tentato in ogni modo, anche con violenza, di evitare l'allontanamento della ragazzina, fino ad attirare l'attenzione di una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Cinofili di Pontecagnano e del Reparto Operativo che transitava in zona. Successivamente i carabinieri hanno ricostruito l'intera vicenda.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©