Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A Sala Consilina sono tornate le cicogne

Ronde per proteggere le cicogne nel salernitano


Ronde per proteggere le cicogne nel salernitano
19/03/2009, 09:03


Ronde per proteggere le cicogne che anche quest’anno sono tornate nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Per nidificare hanno scelto un traliccio dell’Enel a Sala Consilina. Lo stesso traliccio sul quale alcuni anni fa venne distrutto da ignoti il loro nido. Ma quest’anno per paura che il dramma possa ripetersi alcuni cittadini si sono organizzati, e a turno vigileranno notte e giorno nella zona interessata. L’arrivo delle cicogne nel Vallo di Diano è un fenomeno verificatosi per la prima volta nel 1996, e che si è rinnovato di anno in anno. In località Termini, a Sala Consilina, c'è ora uno dei tre soli siti di nidificazione delle cicogne in Italia meridionale, tutti e tre su tralicci Enel. Le cicogne sono state avvistate, insieme a numerosi esemplari di airone cenerino e a qualche garzetta, da alcuni contadini, mentre erano intenti a coltivare i campi. Il primo esemplare ad arrivare una settimana fa è stato il maschio, infatti sembra che tocchi a lui mettere a posto il nido e renderlo più confortevole per la covata che arriverà ad aprile. Negli ultimi tredici anni sono state 25 le cicogne nate e involatesi da Sala Consilina. Nei giorni scorsi, in attesa di questo ritorno, una squadra di operai Enel si era recata in localita' Termini per risistemare la rete elettrosaldata posta sulla sommità del traliccio già scelto nelle scorse primavere dalle coppie di cicogne per nidificare. La rete, installata nel 2006, assicura grande stabilità al nuovo nido che la coppia di volatiti ha preparato e per maggiore sicurezza i tecnici hanno anche provveduto a riavvolgere, con una doppia pellicola di nastro isolante, i conduttori aerei della linea per evitare contatti accidentali con i volatili. Prima del 1996 risaliva al 1742 l'ultima nidificazione di cicogne bianche in Campania. Intorno alla nidificazione di Sala Consilina si e' sviluppato uno studio etologico: inoltre ogni anno, grazie ad un progetto voluto dall'assessorato all'Ambiente della provincia di Salerno, si organizzano delle squadre di guardie ambientali che vigilano sull'incolumità di questi uccelli e raccolgono dati sugli spostamenti e le abitudini delle cicogne. L'Enel ha provveduto sin dal 1996 e per tutto il periodo di permanenza a mettere fuori servizio il tratto di linea interessato dalla nidificazione.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©