Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Atteso il suo arrivo per oggi all’aeroporto di Ciampino

Rossella Urru è libera


Rossella Urru è libera
19/07/2012, 10:19

È durato 9 mesi l’incubo di Rossella Urru, la cooperante sarda rapita lo scorso ottobre in Algeria dal Movimento per l'Unità e il Jihad in Africa Occidentale (Mujao) e si è concluso ieri, quando è stata rilasciata in Mali, insieme a due spagnoli Fernández del Rincón e Gonyalons, nelle mani di due mediatori. La notizia si è diffusa molto rapidamente già dal primo pomeriggio, ma la conferma ufficiale da parte del Ministro degli Esteri, Giulio Terzi, è giunta solo poco prima delle 20.

Già altre volte si era diffusa la notizia della liberazione della Urro, rivelandosi sempre una menzogna, per questo lo scorso giugno Terzi chiese riservatezza sul caso. Questa volta invece la conferma è arrivata anche dalla Farnesina.

Monti ha espresso tutta la sua gioia e ha dichiarato che questa liberazione è un’ulteriore vittoria dell’Italia contro il terrorismo.

L'attivista mauritano Najib Tawal Ould ha dichiarato che per la liberazione dei tre ostaggi  è stato necessario scarcerare il sharawi Maminna Ould Faquir, arrestato lo scorso 4 dicembre per aver preso parte al rapimento dei 3 cooperanti. Per la stampa spagnola invece, il rapimento è avvenuto senza condizioni ed è stato ritardato solo a causa di una tempesta di sabbia.

L’arrivo di Rossella è atteso per oggi all’aeroporto di Ciampino, dove la famiglia potrà finalmente riabbracciarla. A parlare è anche Sandra Mariani, un’altra italiana rapita il 2 febbraio 2011 in Algeria e liberata dopo 44o giorni. il pensiero di Rossella e degli altri ostaggi non l’ha mai abbandonata e finalmente potrà condividere la sua gioia.

Rimane ora un solo italiano rapito all’estero. Si tratta di Giovanni lo Porto, catturato lo scorso gennaio insieme ad un tedesco. Il gruppo terroristico responsabile del rapimento sarebbe Tehrik-e-Taliban Pakistan, capeggiato da Hakimullah Mehsud.

 

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©