Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Il capo trasferitosi Montesilvano per la faida di Scampia

Rotta della droga Napoli-Abruzzo, 16 ordinanze


Rotta della droga Napoli-Abruzzo, 16 ordinanze
03/11/2009, 19:11

NAPOLI – Sedici ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip della Direzione distrettuale di L'Aquila per associazione per delinquere finalizzata alla detenzione e allo spaccio di stupefacenti tra le province di Teramo e Pescara utilizzando fornitori e corrieri napoletani. Le persone finite dietro le sbarre sono sei, mentre ad uno degli arrestati è stato concesso il beneficio dei domiciliari. L'inchiesta, avviata un anno fa, ha permesso di smantellare un vasto traffico di cocaina, che veniva acquistata a Napoli e trasportata da corrieri del Rione Traiano, per poi essere smerciata lungo il litorale abruzzese; i ricavati venivano infine 'ripuliti' investendoli in attività commerciali e di ristorazione. L'operazione, nome in codice “Ricchitella” (dal soprannome del capo dell'organizzazione) è frutto di mesi di appostamenti, che hanno portato, fino all'aprile scorso, al sequestro di 670 grammi di cocaina purissima.

In manette sono finiti: Carmine Iorio, 47 anni, considerato capo dell'associazione e referente per lo spaccio, di Napoli ma residente a Montesilvano (Pescara) dove si era trasferito dopo essere scappato dalla faida del clan Di Lauro di Napoli che in passato aveva ucciso il fratello dell'indagato, Ciro, per un regolamento di conti; Anna Fusco, 47 anni, moglie di Iorio, anche lei già nota alle forze dell'ordine e principale collaboratrice del marito, che aveva il compito di gestire i contatti per la distribuzione della droga in partenza da Napoli quando il marito era in Abruzzo; Maria Iorio, figlia di Carmine, 26enne con precedenti di polizia; Pasquale Bianco, 29anni, marito di Maria Iorio, che riscuoteva il denaro della vendita della cocaina; Alberto Aprile, 29 anni, altro genero di Iorio, che manteneva i contatti con la rete di vendita nelle province di Teramo e Pescara.

Le ordinanze di custodia in carcere riguardano inoltre: Flora Apetino, 31 anni, nata a Napoli ma residente a Montesilvano; Antonio Sagliocco, 40 anni, nato a Napoli, residente a Montesilvano; Camillo Bucciarelli, 46 anni, nato a Pescara residente a Montesilvano; Antonio Cozzolino, 44 anni, di Napoli (gia' detenuto a Chieti per altra vicenda); Maurizio Lorenzini, 54 anni, originario di Roma residente a Tortoreto (Teramo); Federica Coppa, 27 anni, nata a Giulianova residente a Roseto degli Abruzzi (Teramo); Stefano Fierabella, 27 anni, di Roseto; Rosanna Cutugno, 41 anni di Napoli . Ai domiciliari, invece, sono finiti: Antonio Coppola 36 anni, nato a Napoli, residente a Montesilvano ed Erasmina De Laurentis, 60 anni, di Pescara. All'appello manca ancora una persona, attualmente ricercata.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©