Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Entrambi disoccupati, non riuscivano a mantenere i 5 figli

Rubano per sfamare i figli, la polizia non li arresta

La polizia si è limitata a denunciarli

Rubano per sfamare i figli, la polizia non li arresta
20/03/2013, 17:51

BERGAMO - Hanno rubato alimentari e capi d'abbigliamento in un supermarket per un bottino di 200 euro, ma la polizia non li ha arrestati. E' successo in un supermercato di Treviglio, nella Bassa Bergamasca, dove una coppia di quarantenni, dopo essere stati fermati dalla vigilanza alla cassa del supermarket per aver rubato generi alimentari e vestiti che avevano nascosto in alcune borse, non sono stati arrestati dalla polizia, ma sono solo stati denunciati. I due, infatti, lui albanese e lei nativa di Varese, residenti nella vicina cittadina di Caravaggio, in provincia di Bergamo, hanno raccontato alla polizia di avere da poco perso entrambi il lavoro e di essere stati costretti a rubare, non sapendo come sfamare i loro cinque figli.

Dopo aver verificato la circostanza, risultata vera, così come il fatto che i due coniugi fossero stati licenziati entrambi da poco, i poliziotti hanno deciso di chiudere un occhio su questo colpo mal riuscito, figlio della crisi economica, e di limitarsi alla denuncia dei due, senza peggiorare la loro posizione portandoli in questura.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©