Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rubava monete da distributori automatici, arrestato tunisino a Napoli


Rubava monete da distributori automatici, arrestato tunisino a Napoli
16/06/2010, 11:06


NAPOLI - Ieri sera, poco dopo mezzanotte, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno arrestato Fethi Matoussi, 48enne tunisino per furto aggravato e continuato. I fatti si sono svolti presso la stazione metropolitana “Vanvitelli”, dove lo straniero, mediante l’utilizzo di appositi strumenti, era riuscito a sottrarre monete da uno dei quattro distributori automatici di bevande ed alimenti presenti nell’area di transito passeggeri. Il tunisino era stato infatti sorpreso da una guardia particolare giurata mentre colpiva con violenza il distributore. Il tempestivo intervento dei poliziotti ha consentito l’arresto dell’uomo che sottoposto subito ad una perquisizione personale, è stato trovato in possesso di alcuni tondini metallici sagomati a forma di lettere “C” ed “S”, di una piastrina metallica di piccole dimensioni, di un chiodo, di un tubetto di colla e di dodici confezioni di patatine abilmente sagomate, nonché di numerose monete per un totale di circa 20 euro e di due banconote da 20 euro. Il distributore, benché funzionante mostrava segni evidenti delle numerose pedate sferrate dal tunisino. In pratica l’uomo introduceva all’interno del distributore, le confezioni vuote ben sagomate con il nastro isolante, in modo che assumessero una forma simile ad un imbuto. A questo punto venivano posizionate in modo da accumulare le monete. Con l’introduzione dei tondini di ferro sagomato, raccoglieva poi quest’ultime indisturbato. La manomissione dei distributori smascherata dai poliziotti,  ha quindi risolto il anche misterioso malfunzionamento di numerosi distributori da tempo segnalato dagli utenti della stazione. Fethi Matoussi, già noto alle forze di polizia per precedenti analoghi reati e per violazioni alla normativa sugli stranieri, è stato quindi arrestato. Questa mattina sarà processato con rito direttissimo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©