Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rubavano ai turisti, arrestati due ladri a Camerota


Rubavano ai turisti, arrestati due ladri a Camerota
25/05/2010, 09:05


CAMEROTA. Erano diventati l’incubo di turisti e commercianti di Marina di Camerota. Avevano messo a segno oltre dieci furti in pochi giorni in tutta la zona. Ma i carabinieri li hanno identificati ed arrestati. Dopo alcuni giorni di indagini, i carabinieri della locale stazione, agli ordini del luogotenente Massimo Di Franco, e coordinati a livello territoriale dal capitano Gianmarco Pugliese, sono arrivati all’identificazione e all’arresto di due persone. Si tratta del 31enne pluripregiudicato Angelo Ametovic, residente a Pontecagnano Faiano, e della compagna 30enne Jena Enna Totos di origine polacca. Rubavano nelle auto, nei camper e sulle barche. Portavano via computer portatili, lettori dvd, cellulari, penne elettroniche, macchine fotografiche, orologi e attrezzi nautici. La coppia agiva tra Camerota e Palinuro, e domenica pomeriggio ha messo a segno l’ultimo colpo. I carabinieri hanno sorpresi i due a forzare la portiera di una Mercedes parcheggiata nei pressi della discoteca "Il Ciclope". La donna aveva con se anche la figlia di pochi anni.  I militari che da giorni monitoravano i loro movimenti, a seguito ad una vasta attivit‡ di indagine, sono riusciti anche a raccogliere gravi indizi di colpevolezza per altri furti perpetrati nell’ultima settimana nella zona. La coppia aveva un furgone Wolkswagen di colore bianco che utilizzavano come base d’appoggio, sul quale i carabinieri hanno rinvenuto parte della refurtiva. Insomma, un respiro di sollievo per turisti e residenti costretti a vivere fino a pochi giorni fa con la paura di furti improvvisi. I due ladri, giá noti alle forze dell’ordine, senza lasciare nessuna traccia apparente avevano fatto una serie di furti che sembravano destinati a rimanere irrisolti. Intanto le indagini coordinate dal sostituto procuratore Renato Martuscelli, sono tutt’ora in corso, per individuare altri complici.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©