Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

False anche altre cose dette da Ruby in TV

Ruby con due anni in più? Il padre e la Procura negano


Ruby con due anni in più? Il padre e la Procura negano
04/03/2011, 09:03

MILANO - Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi di ieri, quando diceva che Karima El Marough, alias Ruby Rubacuori, fosse stata iscritta all'anagrafe marocchina con due anni di ritardo, non destano scalpore alla Procura di Milano. Anzi, c'è chi ritiene che se la difesa proverà ad aggrapparsi a questo, vuol dire che non hanno grandi argomenti di difesa.
E lo dimostrano le parole del padre: "Ma scusi, se mia figlia fosse stata due anni più grande, avremmo passato tutto 'sto tempo a correrle dietro perché era minorenne? La questione sarebbe stata già chiusa, con dolore, ma io sarei uscito prima da tutti i guai". Sul fatto che la ragazza possa essere stata iscritta in ritardo, la risposta è ancora più netta: "In Marocco sono cose che potevano accadere cinquanta anni fa; figuriamoci se nel 1992 poteva accadere un fatto simile...". Ed effettivamente una cosa del genere si inquadra più in un Paese arretrato che in un Paese come il Marocco, che è moderno anche secondo i nostri canoni. Ma rientra nella mentalità di un "cummendatur" del nord, che è pieno di pregiudizi e con poca cultura.
Intanto l'avvocato Venera Scrima, che cura gli interessi della famiglia El Marough, ha diffuso una nota, in cui smentisce molte delle dichiarazioni rese dalla ragazza in TV: "Il signor El Mahroug non ha mai cacciato di casa la figlia. Quando, ancora quattordicenne, Ruby fuggì di casa, iniziò a cercarla, assieme alla madre, nel tentativo di sottrarla alle disavventure che inevitabilmente la ragazza ha dovuto affrontare (...) Il signor El Mahroug non ha mai lanciato l'acqua bollente sulla figlia. La cicatrice risale ad un incidente in cui la piccola aveva un anno e si trovava in Marocco, mentre il padre era in Italia. L'età di una cicatrice si può periziare facilmente".
Però questa ragazza non ha esitato a prostituirsi - secondo quanto dice la Procura nel capo di imputazione - con un vecchio miliardario, ricavandone in cambio - secondo le intercettazioni e le dichiarazioni rese da Ruby ai magistrati - centinaia di migliaia di euro (addirittura 5 milioni aveva chiesto), gioielli e stava per ricevere una casa ed una autovettura.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©