Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

58 giorni di canicola senza precedenti

Russia, stop all'emergenza caldo


Russia, stop all'emergenza caldo
19/08/2010, 12:08

MOSCA - L'emergenza incendi in Russia, dovuta al caldo e alla siccità, sembra essersi conclusa. Dopo 58 giorni di caldo afoso senza precedenti, la popolazione torna a respirare. Per due settimane una nuvola di fumo ha invaso Mosca, facendo così scoppiare un vero e proprio allarme smog.
I giornali russi hanno parlato di una catastrofe naturale, citando i miliardi di danni provocati dalle fiamme, causate dalle temperature che hanno registrato massime oltre i 35 gradi. Per lottare contro gli incendi della Russia occidentale sono stati mobilitati 240 mila uomini, 25 mila veicoli e 266 aerei ed elicotteri. Il bilancio è negativo: 54 morti ufficiali, circa 4 mila sfollati e oltre 2 mila case in fiamme; inoltre più di un milione di ettari risultano bruciati, un terzo del raccolto distrutto, due basi militari in cenere e impianti nucleari minacciati. L'eccezionale ondata di caldo non si verificava in Russia dal 1920.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©