Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il comandante potrà lasciare Meta di Sorrento

Sì del gip al colloquio di lavoro per Schettino

Polemiche per la presunta attività da testimonial

Sì del gip al colloquio di lavoro per Schettino
22/02/2013, 19:16

GROSSETO - Nella giornata di oggi il Gip di Grosseto ha autorizzato il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, ad allontanarsi da Meta di Sorrento per il colloquio di lavoro offertogli da un imprenditore alberghiero marchigiano.

Schettino dovrà svolgere un sopralluogo in un residence a Numana , un paesino delle Marche, per una consulenza basata sulla sua esperienza di comandante di nave da crociera. Un caso che ha suscitato non pochi clamori.

Avanza sempre più l’ipotesi, tra l’altro, secondo cui Schettino non sarebbe stato convocato realmente per una consulenza ma per fare da testimonial alle attività del residence. Secondo l’Ansa, il comandante è ancora indeciso se accettare o meno la proposta.

Intanto, ieri sono arrivati nel porto di Verona i primi cinque cassoni speciali di acciaio che serviranno per raddrizzare e riportare in linea di galleggiamento il relitto. Poco prima il sindaco dell’isola del Giglio, Sergio Ortelli, aveva lanciato l’ennesimo allarme: “ Poco interesse per la rimozione”.

Il materiale è stato scaricato nella notte sul piazzale Unicoop, nel canale industriale del porto e fa parte di una commessa di 30 pezzi realizzati da Fincantieri. Il procedimento dovrà consistere  nell’installare, dopo la messa in sicurezza della nave, i serbatoi in questione sul lato emerso della Costa Concordia e riempirli di acqua gradualmente . Successivamente, una volta raddrizzato il relitto, saranno installati container pieni di acqua anche sull’altro lato per poi passare alla fase finale che riguarda lo svuotamento dei prefabbricati di entrambi i lati in modo tale da riportare la nave in linea di galleggiamento e consentire il traino in un porto in vista dello smantellamento conclusivo.



 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©