Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'agente della Municipale stava assistendo ad un arresto

S'affaccia al balcone di casa, ferito da proiettile vagante a Napoli


S'affaccia al balcone di casa, ferito da proiettile vagante a Napoli
04/08/2010, 11:08

NAPOLI - Inseguimento con sparatoria intorno alle quattro di stamattina a Napoli, nel quartiere Bagnoli. Un uomo affacciato al balcone per assistere all’arresto di una donna romena incinta di cinque mesi, che poco prima aveva trafugato della merce da un negozio di abbigliamento, in viale Campi Flegrei, è stato ferito da un proiettile vagante esploso accidentalmente da una guardia giurata al momento del fermo della banda. La donna è stata arrestata, mentre gli agenti del commissariato Bagnoli sono sulle tracce dei complici (forse tre uomini) che sono riusciti a dileguarsi. L’uomo ferito, che è stato trasportato al vicino ospedale San Paolo, è un agente della polizia municipale di Napoli: si chiama Oreste Canzaniello, risiede in via Eurialo, poco distante dal luogo della sparatoria. È stato colpito di striscio all’altezza del cuore mentre era affacciato per assistere alla scena da Far West che ha svegliato buona parte del quartiere del versante ovest di Napoli. Secondo una prima ricostruzione, Canzaniello si era affacciato al balcone al quarto piano quando all’improvviso è partito un proiettile che l’ha raggiunto al petto. Una ferita “di striscio”, sostengono i sanitari del nosocomio di via Terracina, ma la pallottola avrebbe potuto provocare danni più gravi. Il referto parla di una ferita guaribile in tre giorni. Intervistata da Julienews, la moglie di Canzaniello ha commentato quei terribili momenti vissuti in via Eurialo: “Eravamo in casa con i nostri figli di 33 e 23 anni – ricorda – Ci eravamo affacciati perché avevamo sentito una donna che gridava, poi ad un tratto l’auto utilizzata dai componenti della banda è andata a schiantarsi contro una macchina parcheggiata. In molti si sono affacciati per cercare di capire cosa stesse accadendo. Poi ad un tratto abbiamo sentito uno sparo, ed Oreste ha avvertito un fortissimo dolore quasi all’altezza del cuore È stato terribile…”.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©