Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

“Fuck the Recession”… e si fanno gli scongiuri

Saldi: la gente preferisce lo shopping mentale


.

Saldi: la gente preferisce lo shopping mentale
03/01/2013, 12:27

NAPOLI - Recessione recessione, parola d’ordine “Fuck the recession” nella speranza che qualcosa possa muoversi e la liquidità torni ad essere padrona indiscussa del mercato. Con questi presupposti sono partiti i saldi in una Napoli che preferisce fare shopping mentale perché imbarazzatissima ad aprire portafogli sconsolatamente vuoti. Il primo giorno degli sconti della speranza non hanno fatto registrare i pienoni, ma c’era da aspettarselo, nonostante la scritta scaramantica del “Fuck the Recession”, restare “fucked”, per dirlo all’americana, sono solo e sempre i cittadini che quei pochi risparmi che avevano da parte sono andati via con l’IMU. E’ un cane che si morde la coda: come si può pensare che la gente spenda se quei pochi spiccioli che restano vanno via per le tasse? Intanto i commercianti sperano che la situazione migliori con l'avvicinarsi del weekend, ma le aspettative non sono rosee, anche in considerazione del fatto che chi trova il coraggio di entrare in una boutique lo fa solo per acquisti considerati secondari. La spesa approssimativamente da spendere in occasione dei saldi si aggira intorno ai 150 euro a persona, ma questo resta un dato che non tiene conto di una realtà bene più povera di quanto si ostenti.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©