Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Salerno, donna trovata morta in casa


Salerno, donna trovata morta in casa
26/06/2013, 09:14

SALERNO - Sono stati i vigili del fuoco, intervenuti per spegnere un incendio in casa, a trovare senza vita Olena Tonkoshkurova, 50 anni, la donna di nazionalità ucraina uccisa a Polla (Salerno) la scorsa notte all'interno della propria abitazione di via Porta del Bagno. I caschi rossi sono intervenuti per spegnere un incendio sviluppatosi al primo piano della palazzina dove abitava la vittima, trovata dai soccorritori completamente nuda su un letto. La donna dovrebbe essere morta a seguito di un profondo taglio alla gola causato, presumibilmente, da un coltello. Ma per far luce sulle cause del decesso della donna bisognerà aspettare l'esito dell'esame autoptico che sarà effettuato nella giornata di domani presso la sala mortuaria dell'ospedale di Polla. Intanto continuano a ritmo serrato le indagini dei carabinieri tese a individuare gli autori dell'omicidio: gli inquirenti hanno sinora ascoltato una decina di persone e, secondo quanto si apprende, altre saranno ascoltate nelle prossime ore. Ci sarebbero anche due testimoni tra le circa trenta persone ascoltate dagli inquirenti, coordinati dal magistrato Carlo Rinaldi, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Sala Consilina. I testimoni avrebbero sentito l'ucraina discutere, non animatamente, intorno all'una e trenta della scorsa notte, all'interno della propria abitazione con degli uomini che potrebbero essere gli autori del delitto e dell'incendio appiccato con l'intento di cancellare ogni traccia. Al momento, comunque, non si esclude alcuna ipotesi e si indaga a tutto tondo, anche tra gli ambienti locali frequentati da tossicodipendenti. Indizi utili per gli investigatori potrebbero già giungere nella giornata di domani al termine dell'esame autoptico sul corpo dell'ucraina che sarà effettuato presso il locale ospedale "Luigi Curto". Elena, così la chiamavano le sue amiche, era nuda sul letto con un'evidente ferita sulla gola provocata dalla lama di un coltello che gli inquirenti non hanno ancora trovato. Un taglio lungo 14 centimetri, sferrato da sinistra verso destra così come emerso dai primi rilievi effettuati dai carabinieri del ROS (Raggruppamento Operativo Speciale) e del SIS (Sezioni Investigazioni Scientifiche) di Salerno. Olena Tonkoshkurova viveva da una decina di anni a Polla. Aveva svolto saltuariamente diversi lavori tra cui quelli di massaggiatrice, di estetista e di badante di anziani. Era conosciuta un po' da tutti anche per il suo carattere docile e per la sua disponibilità. E proprio per questo, la sua morte ha lasciato nello sconforto tutta la comunità del centro rivierasco del Vallo di Diano.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©