Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Salerno, sequestrato centro scommesse


Salerno, sequestrato centro scommesse
11/01/2012, 15:01

Nell’ambito delle iniziative programmate dal Comando Provinciale di Salerno a presidio della legalità e a contrasto di ogni tipologia di condotta criminale, i baschi verdi del Gruppo di Salerno hanno eseguito una vasta operazione di controllo in città, che ha portato al sequestro di un punto scommesse illegale, denunciando a piede libero il responsabile.
L'agenzia era destinata alla raccolta ed accettazione di scommesse su eventi sportivi. A seguito di svariati sopralluoghi e indagini, è scattato il blitz che ha portato anche al sequestro della strumentazione tecnologica, del materiale logistico di supporto e della ulteriore documentazione amministrativo/gestionale rinvenuta all'interno dei locali.
L’attività di accettazione, raccolta e gestione delle scommesse veniva attuata dal personale dell’agenzia in assenza di qualsivoglia autorizzazione. Tali scommesse venivano poi convogliate a favore di un allibratore estero con sede in Austria, mentre il denaro veniva inviato su un conto corrente maltese.
Durante il controllo veniva sottoposta a sequestro tutta la strumentazione necessaria al compimento dell’attività illecita, consistente in 2 postazioni per l’accettazione delle scommesse composte da 2 personal computer, 4 monitor, stampanti termiche, nonché la somma di denaro di euro 139,00, frutto delle giocate illecite.
Il responsabile aveva, inoltre, messo in funzione un apparato che permetteva la raccolta a distanza delle scommesse; infatti, l’accurato controllo dei finanzieri permetteva di rinvenire ulteriori 4 computer a disposizione degli avventori che risultavano collegati esclusivamente al bookmaker estero, risultando preclusa la possibilità di raggiungere qualsiasi altro sito internet, attuando in tal modo un’illecita intermediazione nella raccolta del gioco.
Il titolare dell’agenzia, identificato in un ventiduenne, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Salerno per i reati di illecita intermediazione nella raccolta delle scommesse, di cui all’art. 4 della legge n. 401/1989, e all’art. 17 e 110 del T.U.L.P.S. (sprovvisto delle necessarie autorizzazioni rilasciate dall’A.A.M.S. e dalla Questura).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©