Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il direttore del Giornale affida la sua replica a twitter

Sallusti choc: "Chi ha scritto la mia sentenza è un infame"

"Questa cosa sarà oggeto di un mio editoriale"

Sallusti choc: 'Chi ha scritto la mia sentenza è un infame'
23/10/2012, 17:31

MILANO – “Chi ha scritto sentenza contro di me è una persona infame”. Sono le parole che il direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, affida a Twitter subito dopo la diffusione delle motivazioni della sentenza della Cassazione che, lo scorso 26 settembre, lo ha condannato a 14 mesi di carcere. Più lunghe le dichiarazioni che il giornalista affida al sito del quotidiano, che riporta in apertura della “home page” la frase: “Sono degli infami”. “Non si può giocare con la vita delle persone, il presidente della Cassazione dovrà risponderne anche a mio figlio”, afferma Sallusti. “Il mio non è uno sfogo, ma un giudizio sereno che sarà oggetto di un mio editoriale che sarà pubblicato domani”, anticipa il direttore del “Giornale” dal sito del quotidiano. “Mi auguro che questo giudice venga cacciato dalla magistratura”, afferma inoltre riguardo al presidente della quinta sezione della corte di cassazione, Aldo Grassi. “Non si dà del delinquente a un giornalista che non ha mai avuto condanna penale - continua - non c’è nessuna reiterazione del reato, c’è solo un articolo, neanche scritto da me, che a ben guardare non è neanche diffamatorio perché non si cita nessuno e si parla per assurdo”. Sallusti commenta anche il disegno di legge che abolisce il carcere per i giornalisti, dicendosi “contento” che vada avanti: “Non può che essere un passo positivo, perché bisogna superare il Codice Rocco. Non sono però così ottimista che si arrivi al via libera nei tempi utili per la mia causa, ma questa è la cosa meno importante”. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©