Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Salva donna in arresto cardiaco, rianimata per 70 minuti

La giovane anestesista rianimatrice è Manuela Nigri

Salva donna in arresto cardiaco, rianimata per 70 minuti
20/01/2011, 21:01

BOLOGNA - Una giovane specializzanda anestesista ha salvato una donna colpita da un arresto cardiaco. Grazie alle cure intensive immediate e alla tecnica di abbassamento della temperatura corporea, la paziente ha ripreso coscienza e dai primi risultati si escludono danni cerebrali. La vicenda è stata raccontata dal primario dell'Unità di Anestesia del Policlinico S. Orsola di Bologna, Gianfranco Di Nino: "Si tratta di un caso particolare reso possibile da condizioni legate ad una perfetta organizzazione di assistenza rianimatoria". Secondo la ricostruzione del professor Di Ninno la donna di 31 anni si trovava a lavoro e ha avuto un arresto cardiaco, causato da una fibrillazione ventricolare persistente. ''L'ambulanza e' arrivata in 8 minuti - ha detto l'anestesista all'Ansa- e a bordo si trovava una specializzanda esperta delle nuove tecniche rianimatorie''. Difatti, l'anestesista ha protratto gli interventi per un'ora e 10 minuti usando la defibrillazione (12 volte), la ventilazione meccanica, i farmaci a base di adrenalina. Una volta ricomparso il ritmo cardiaco la giovane e' stata caricata in ambulanza e trasportata al pronto soccorso del Policlinico S. Orsola, dove sono continuate le cure e l'ipotermia per 24 ore.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©