Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

San Gennaro Vesuviano, denunciato il sindaco per violazione alle leggi a tutela dei lavoratori


San Gennaro Vesuviano, denunciato il sindaco per violazione alle leggi a tutela dei lavoratori
24/10/2011, 10:10

A San Gennaro Vesuviano i carabinieri della locale stazione con la collaborazione del personale dell’ufficio tecnico hanno denunciato in stato di libertà il sindaco del luogo, in qualità di datore di lavoro/responsabile dello stabile, per i seguenti reati: - omissione in atti d’ufficio, poiché, nonostante la richiesta dell’8 settembre, ometteva di presentare la certificazione di agibilità, il documento dei rischi completo di documentazione e il piano di emergenza con planimetrie relativi al comune di san gennaro vesuviano; - per aver omesso di far sottoporre a controllo periodico gli impianti elettrici e gli impianti di protezione dai fulmini; - per aver omesso la valutazione di tutti i rischi e l’adozione del documento di valutazione dei rischi e per aver omesso di provvedere alla nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione; - per aver omesso di fornire al rspp informazioni in merito alla natura dei rischi nell’ambiente di lavoro; - per non aver assicurato che ciascun lavoratore avesse ricevuto una sufficiente ed adeguata informazione in materia di salute e sicurezza; - per non aver organizzato i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso e non aver informato tutti i lavoratori che potevano essere esposti a pericolo e sulle eventuali misure da adottare; - per non aver garantito che i luoghi di lavoro fossero conformi alla normativa vigente (garantire la presenza di uscite di emergenza, di impianti e di dispositivi di sicurezza e che fossero sottoposti a regolare manutenzione e controllo); - per aver destinato i locali sotterranei adibiti ad archivio a locali adibiti a deposito e lavorazione della segnaletica stradale; - per aver messo a disposizione dei lavoratori attrezzature ed arredi non conformi; - per aver permesso il normale svolgimento lavorativo in uffici posti in prossimità di linee elettriche e di impianti occasionali, senza che fossero adottate misure per la protezione dei lavoratori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©