Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

San Marzano sul Sarno: sequestrati due videopoker edun apparecchio del tipo “totem”


San Marzano sul Sarno: sequestrati due videopoker edun apparecchio del tipo “totem”
12/06/2012, 13:06

I baschi verdi della Compagnia di Scafati, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio disposti e coordinati dal Comando Provinciale di Salerno e finalizzati anche alla prevenzione e alla repressione di illeciti in materia di congegni ed apparecchi da divertimento ed intrattenimento, hanno individuato nel Comune di San Marzano sul Sarno una sala biliardo che deteneva congegni e apparecchi da divertimento ed intrattenimento, cc.dd. “videopoker”, nonché per la raccolta di scommesse on-line, privi delle necessarie concessioni ed autorizzazioni previste dalla normativa vigente.
I finanzieri hanno rinvenuto, all’interno dei locali, due apparecchi “videopoker” ed uno del tipo “totem” funzionanti ed a disposizione della clientela, tutti privi delle previste certificazioni di conformità e dei nulla osta per la messa in esercizio.
Tutti i congegni, unitamente alla somma di denaro contante rinvenuta al loro interno e frutto dell’illecita attività, sono stati sottoposti a sequestro.
La titolare dell’attività, una quarantatreenne di nazionalità italiana, è stata segnalata alla competente Autorità Giudiziaria e rischia ora una severa sanzione pecuniaria, oltre alla chiusura dell’attività, per violazione all’art. 4 della Legge n. 401/89, che regolamenta la raccolta di pubbliche scommesse per via telematica, e agli artt. 718 e 719 del Codice Penale (Esercizio del gioco d’azzardo), i quali prevedono e sanzionano il giuoco d’azzardo con una elevata sanzione pecuniaria e con l’arresto.
L’attività di servizio si aggiunge alle già molteplici operazioni portate a termine dalle Fiamme Gialle e conferma l’efficienza del presidio economico-finanziario esercitato dal Corpo su tutto il territorio con l’obiettivo di arginare il dilagante fenomeno delle giocate illegali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©