Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Mandato in frantumi il finestrino di un'ambulanza

San Paolo, ospedale 'assediato' dopo morte 28enne


.

San Paolo, ospedale 'assediato' dopo morte 28enne
02/03/2010, 17:03

NAPOLI – Momenti di forte tensione all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta, dove è deceduto oggi un ragazzo di 28 anni. A. D. M., residente in via Tertulliano, al Rione Traiano, in mattinata si era recato al pronto soccorso insieme al padre, accusando un malore. Era stato sottoposto ad accertamenti ma, dopo un ecg ‘pulito’, aveva deciso di lasciare l’ospedale malgrado il parere contrario dei medici. Poco dopo il ventottenne ha accusato un altro malore, più violento del primo: è spirato mentre l’ambulanza lo trasportava al pronto soccorso.
Quando si è diffusa la notizia della morte del ragazzo, parenti ed amici si sono riversati nell’area antistante il pronto soccorso del San Paolo. Accecati dalla rabbia si sono sfogati, come spesso accade in questi casi, contro i medici e le suppellettili. A farne le spese, il finestrino di un’ambulanza che è stato mandato in frantumi.
All’ospedale sono arrivate diverse volanti ma, dopo gli sfoghi iniziali (e qualche calcio ai mezzi parcheggiati nelle vicinanze) non sono stati registrati incidenti.

I parenti hanno contestato la scelta del medico di lasciare andare il ragazzo, malgrado fosse evidente che qualcosa non andasse. Da parte loro, i sanitari sono concordi: il ragazzo era cosciente e maggiorenne, non era possibile trattenerlo contro la sua volontà. La sua scelta di rifiutare il ricovero sarebbe stata anche evidenziata nel referto stilato dal medico che l’ha visitato in mattinata.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©