Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

San Raffaele, due lavoratrici protestano sul tetto

Chiedono la sospensione del piano di licenziamenti

San Raffaele, due lavoratrici protestano sul tetto
28/11/2012, 17:55

MILANO – Sono sul tetto dell’Ospedale San Raffaele di Milano dalle 6 di questa mattina, un’infermiera e un’operatrice socio-sanitaria, per protestare contro il piano di licenziamenti che lascerebbe senza lavoro 224 dipendenti. Hanno spiegato alla polizia che non scenderanno finchè l’amministrazione non avrà sospeso la procedura di licenziamento e sarà aperto un tavolo di confronto con l’Amministratore delegato, Nicola Bedin. Daniela Rottoli, una delle due lavoratrici ha dichiarato: “Da questa mattina alle 6 siamo accampate sul tetto dell'ospedale. Scenderemo solo quando avremo visibilità da parte delle televisioni nazionali, perché tutta l'Italia deve sapere in che condizioni si trova questo grande ospedale. E scenderemo solo quando l'amministratore delegato sospenderà la procedura di licenziamento collettivo”. Le due donne sono state immediatamente appoggiate da altri dipendenti, i quali hanno occupato gli uffici amministrativi finchè la polizia non li ha spostati di peso.

Margherita Napoletano, delegata Rsu (Rappresentanza sindacale unitaria) ha spiegato: “La vigilanza ha cercato di far scendere le due lavoratrici dopo avergli tolto tenda e striscioni. Dopo è intervenuta la Digos, che sta gestendo la cosa. Noi stiamo cercando di far arrivare alle nostre colleghe un cambio di vestiti e scarpe asciutti”.

L’ad Nicola Bedin ha subito accettato le richieste delle due lavoratrici fissando un incontro per domani mattina alle 9 con i sindacati e i dipendenti, sperando così che la protesta possa interrompersi il prima possibile.

 

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©