Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Protesta contro i 244 licenziamenti. Presidio anche di notte

San Raffaele, sindacati avviano proteste


San Raffaele, sindacati avviano proteste
01/11/2012, 21:52

MILANO  - E’ di queste ore la notizia del licenziamento di circa 244 dipendenti del San Raffaele. Quando scoppiò il caso nel luglio dell’anno scorso la Procura di Milano accertò un buco da oltre un miliardo. Ma le perdite non si sono fermate e per cercare di risanare la fondazione creata dal defunto don Luigi Verzè, oltre alla razionalizzazione delle forniture e al taglio sui contratti dei dirigenti, l’amministrazione ha optato per  il licenziamento di alcuni dipendenti per poter recuperare i 25 milioni di euro che mancano all’appello. Poco più di un mese fa l’assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani in un incontro in Regione aveva, infatti,  “avvertito” che con i tagli poteva essere a rischio lo stesso accreditamento di quello che è considerato un polo dell’eccellenza sanitaria italiana.
Oggi, i sindacati hanno proclamato un presidio permanente anche di notte proprio per protestare contro la decisione dell'azienda di avviare la procedura di licenziamento dei  dipendenti. La decisione, ha spiegato la delegata dell'Rsu, Margherita Napoletano, e' stata adottata questa mattina in seguito alla riunione in aula sindacale.
''Questa e' la forma di lotta che accompagnerà la trattativa'', ha spiegato la sindacalista, ricordando che lunedì si terrà l'assemblea del personale.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©